I problemi legati al gioco d’azzardo ed ai casino online

Il Coordinamento delle iniziative di contrasto del gioco d’azzardo per la prima volta si riunirà il 27 maggio 2013 poiché la scorsa settimana a seguito della presentazione di una proposta di legge sul gioco sottoposta da Pd, Idv,Sel-Verdi e Fds vi è stata un’udienza della Commissione regionale “Politiche per la salute e politiche sociali”. Continua l’impegno della Regione Emilia Romagna per contrastare il gioco d’azzardo e sopratutto per tutelare quei giocatori che si fanno sopraffare dall’impeto e cadono nella ragnatela della lupodatia.

Gli amministratori provinciali della regione, indicati dai presidenti della Conferenza territoriale sociale e sanitaria, formano il Coordinamento delle iniziative di contrasto del gioco d’azzardo che è stato istituito dal Coordinamento welfare unitario delle associazioni di rappresentanza delle autonomie locali dell’Emilia Romagna -Caler- . Il Coordinamento sollecita il Parlamento e l’Assemblea legislativa regionale ad emettere iniziative legislative di prevenzione anche coinvolgendo le attività scolastiche con una forma di collaborazione che porti a tutelare tutti i giocatori, sopratutto i più giovani a non “soggiacere” al gioco d’azzardo. Sono coinvolti in queste iniziative le amministrazioni comunali.

Uno degli impegni primari del Coordinamento delle iniziative di contrasto del gioco d’azzardo è quello di organizzare dei corsi di formazione per gli esercizi commerciali -nei quali è coinvolta l’Asl- ed un marchio regionale per i locali nei quali non trovano spazio apparecchi di gioco. Questo verrà senza dubbio affrontato nella riunione in programma il 27 maggio prossimo.

I commenti sono chiusi.